Il Decotto

DECOZIONE– Qui la pianta si fa cuocere, senza violenza, in un recipiente di terra o smaltato o di vetro. Durata della cottura 15-20-30 minuti. Il decotto è indicato quando si tratta di foglie coriacee, radici, semi, che devono sempre essere preliminarmente contusi, spezzettati, per essere meglio penetrati dall’acqua bollente che opera da solvente dei principi medicamentosi.
Alla fine della cottura, si filtra con una tela o colino mentre il decotto è ancora caldo. Dosi della pianta secondo le istruzioni. L’acqua dev’essere quanto basta per compensare l’evaporazione. Poiché in estate l’infuso e il decotto fermentano, allora si tengono al fresco. Quando si tratta di diverse piante, le parti legnose e dure (rami, radici) si bollono prima delle parti tenere (foglie, fiori), le quali si aggiungono allorché le prime hanno subito l’ebollizione per almeno 20 minuti e più, secondo i casi. La medicina si può zuccherare, eccetto in caso di diabete. È meglio non zuccherare le droghe amare.

dal capitolo “MODI DI PREPARARE LE MEDICINE: INFUSO – DECOTTO – TINTURA – POLVERE – DISTILLATO”

Copyright 2017 © Archeosofica, Scuola Esoterica di Alta Iniziazione.